Susanna Trossero

scrittrice

Mi chiamo Z, e sono te

Cari viandanti di questa pagina, mi è stato chiesto di postare la lettera che state per leggere, da me ricevuta via mail pochi giorni fa ma destinata al pubblico del mio blog e a chi la userà per condividerla. Lo faccio molto volentieri, perché si tratta di una voce che reputo importante. Non solo perché mi è stato chiesto ma anche per il mio senso di giustizia, di rispetto e per piena solidarietà, la condivido con tutti voi.

Inutile dirvi che commenti irrispettosi non saranno tollerati. Invece mi preme rassicurare chi vorrà dire la sua sotto forma anonima, che potete firmarvi con qualunque nome, il mio blog chiede la mail ma sono l’unica a vederla. È una normale precauzione per evitare che persone irrintracciabili postino commenti offensivi sono sicura che comprenderete.

Una lettera

Mi chiamo… No, non importa come: sono io, soltanto io, sono tutti voi, sono mille e mille ragazze, ragazzi, uomini o donne, che vivono la stessa vita ovunque. Sono io e sono voi.

Chiamatemi Z, come l’ultima lettera dell’alfabeto che però a scuola – durante le verifiche – può diventare la prima, se si comincia dal basso.

Tutto dipende da come si guarda, in fondo. Non esistono i primi, non ci sono gli ultimi.

Questa lettera non è solo per chi sa, capisce, rispetta. A loro non devo dire nulla che già non sappiano, se non un grazie di esistere.

Ma in realtà questa lettera è per chi scrive sulle bacheche di fb ciò che più amareggia. O per chi lo dice per strada, o ancora durante una bella cena di famiglia. E ancora, più semplicemente, per chi lo pensa e agisce di conseguenza.

Che cosa? Che io sono sbagliata.

Mi chiamo Z, sono cresciuta in una famiglia normale, padre ingegnere e madre insegnante. Una sorella, un fratello. Regole, educazione, nessuna spina nel fianco, genitori uniti. Nessun trauma, strana patologia, violenza domestica, padre padrone o madre iperprotettiva, nessun cattivo esempio.

Niente, Signori e Signore. Eppure sono omosessuale.

Delusi? Scettici?

Vi leggo, vi incontro, vi ascolto, subisco. Siete quelli che cercano una spiegazione per una tale «condizione contro natura». Quelli che si difendono da una parità da me sognata ma che assurdamente temete ridimensioni la vostra. Siete quelli che cominciano sempre con «Io ho tanti amici gay, non ho niente contro queste persone purché sappiano stare al loro posto».

Siete quelli che scrivono sui social: <«Si fa in fretta: cominciate con leggere ai bambini le favole sui gay e poi si finisce con gli assistenti sociali che li vendono ai pedofili!». Sì, questa l’ho letta ieri, testuali parole, orribile associazione supportata da infiniti like.

L’altra settimana invece ho letto: «Se scoprissi che il maestro di mio figlio è gay lo ritirerei da scuola, i figli vanno protetti!». E non aggiungo né la decina di commenti a favore né tanti altri post come questi.

Io sono una persona. Una donna che ama le donne. Perchè è così importante per molti di voi? Perchè fa così paura? Perchè disagio o disgusto?

Io non faccio male a nessuno, ma tanto male sento dentro quando ascolto, o leggo, o vivo tra la gente. Basta la sala d’aspetto di un dentista, credetemi. Sono fragile, è vero, altrimenti non scriverei questa lettera e andrei avanti per la mia strada. Non tutti sono rudi, forti, soldati. Io ho i miei difetti ma sono anche mite, molto dolce dicono, pacata, una persona semplice. Facile ferirmi, lo comprendo, ma non sono l’unica. Io scrivo, altri si ammalano di depressione o si impiccano. Lo leggiamo ogni giorno. Io scrivo. Reagisco così.

Sì, io vi scrivo. Io spero che mi ascoltiate. Io desidero non essere notata per la mia diversità ma perchè amo il prossimo e non farei del male a una mosca. Non morirò per voi, io no, ma spero tanto che mi ascoltiate. Solo questo. Anche in nome di quelli che per voi stanno invece morendo.

Perché, addolorata, sto scoprendo che anche persone insospettabili, intellettualmente vivaci, culturalmente ricche, che amano riamate, che rispettano il vicino di casa e fanno volontariato, che vivono in mezzo alla gente, contribuiscono all’omofobia. Commentano, si scostano disgustate, partecipano alle crociate anti uguaglianza, rifiutano i loro stessi figli. E il rifiuto, credetemi, non necessariamente si palesa con un buttar fuori di casa qualcuno. Fa molto più male non negare un tetto e offrirlo soltanto per giudicare costantemente e sperare che «la malattia passi».

Perchè non capire che non siamo diversi? Perchè non capire che abbiamo gli stessi sogni?

Uguaglianza, nient’altro. Questo vorrei nel mio mondo ideale. Non lo pretendo, lo desidero ardentemente. Da essere umano a essere umano. É davvero troppo? Farebbe del male a qualcuno?

Lo è per te, per voi, abbracciarmi e accettarmi senza polemiche?

La vita è una, la felicità quasi un miraggio per tutti, perchè complicare le cose?

Vi auguro e mi auguro ogni bene, perché questo è un desiderio che ci accomunerà sempre e per sempre.

5 Comments »

E le briciole?

Lo sapevate? Sembra che in Italia si sprechino circa 35 chilogrammi di cibo a persona in un anno, cibo che puntualmente finisce nella spazzatura!

Eppure, dai grandi cuochi alle mamme di una volta, ci si sente dire “Non sprecate il cibo”.

Sì, gli chef, che imparano l’arte di utilizzare gli avanzi molto presto, e sanno farlo con tale maestria che mai penseremmo di gustare “avanzi”, se seguissimo le loro indicazioni.

Inoltre, esistono associazioni che si muovono per aiutare chi non ha nulla, combattendo attivamente gli sprechi alimentari. Avete mai visitato il sito Banco Alimentare? Restituiscono valore al cibo ancora utilizzabile, rendendo felici tante persone!

E LastMinuteSottoCasa? Si tratta della più grande community digitale antispreco, che in tutta Italia unisce i commercianti (i quali evitano di buttar via la merce in scadenza o avanzata a fine giornata) alla gente che spera di risparmiare qualcosa, viste le difficoltà attuali. Ovviamente, si penserà anche ai più bisognosi, ovvero a coloro che non hanno neppure la possibilità di usufruire di merce scontatissima. Nessuno escluso, per questa efficace organizzazione alla quale tutti dovremmo appartenere.

E, tornando alle mamme di un tempo, che ho citato all’inizio di questo post, erano davvero brave ad utilizzare gli avanzi e a far sì che niente andasse sprecato. La mia, con le teste di gamberi riesce a metter su un sughetto incredibilmente buono. E con verdure avanzate e pane quasi raffermo, riesce a fare delle bruschette incredibili! Frulla le verdure con un uovo sodo, ci aggiunge un pizzico di pepe e poi le spalma sul pane. Per non parlare delle frittate!

Nel nostro libro «Il pane carasau. Storia e ricette di un’antica tradizione isolana», la testimonianza di un’anziana signora dell’entroterra sardo dimostra quanto anche le briciole fossero preziose alleate in cucina!

“Buttare le briciole? Ma scherziamo? Dapprima si mettevano le verdure a cucinare, quelle che al momento la terra offriva: cardi o finocchi selvatici, fave, bietole, cicoria. Poi, a cottura ultimata, un attimo prima di spegnere il fuoco sotto la pentola, si aggiungeva il pane carasau sbriciolato, a sostituire la pasta. Ed ecco una semplice, dietetica e sana minestra!”

Tante altre sono le testimonianze raccolte, che ancora oggi possono educarci al rispetto per il cibo, e ringraziamo i lettori che ci stanno apprezzando da tanto tempo, nonché tutti coloro che stanno accogliendo la nuova edizione del nostro libro edito dalla Graphe.it, come il settimanale Mio, il mensile Eva Cucina o il sito lucianaincucina.it, dove “arte e cucina si fondono con armonia”.

E se deciderete di sperimentare le nostre ricette, mi raccomando: non buttate via nulla!

No Comments »

I nonni e il pane carasau

È sempre emozionante, scoprire che una tua pubblicazione ha incontrato il consenso dei lettori, ed è proprio grazie a questo consenso e alle recensioni positive che il viaggio continua!

“Il pane carasau – storia e ricette di un’antica tradizione isolana”, edito dalla Graphe.it e scritto a quattro mani da Antonella Serrenti e da me, è giunto a una nuova edizione: nuova veste grafica, integrazioni di testimonianze affascinanti, ricette e… Una escursione in un campo che ci riguarda tutti, la longevità. In questo caso si parla di quella dei sardi dell’entroterra, oggetto di studio e di una conclusione: l’alimentazione semplice e genuina come stile di vita.

Le ricette contenute in questo libro, per buona parte altro non sono che lo specchio di questa cultura culinaria, e non sono poi così difficili da attuare, anzi!

In fondo, il nostro piccolo grande saggio la cui nuova edizione è appena nata, ha sempre portato con sé gli insegnamenti degli anziani, dei nonni e della loro storia, raccontando del pane quale elemento di unione, condivisione, addirittura educazione e ovviamente cultura.

Ma non solo il pane, ha tanto da raccontare. Le mense di un tempo sono ricchezza e salute, energia e bellezza, e questo gli anziani lo sanno bene. C’è chi ha deciso di cibarsi della loro sapienza e manualità, con progetti che si dovrebbero “imitare”, e uno di questi è affidar loro dei giovani speciali per insegnargli a coltivare la terra, ad amarla, a godere dei suoi frutti. Questo meraviglioso progetto si chiama “Orto felice”, coinvolge i ragazzi con la Sindrome di Down ed è davvero una gioiosa sperimentazione. Per saperne di più vi invito a leggere l’articolo:

Mangiar sano e di conseguenza viver sano, non è facile, ammettiamolo: cattive abitudini, peccati di gola, fretta, grande ditribuzione, pubblicità martellanti, sono tutti cattivi consiglieri.

A me oggi piace l’idea di tirare in ballo il grande chef Cannavacciuolo, che seguo spesso (adoro quando “mena” i ristoratori che non adottano a puntino le sue indicazioni), e che in merito al vivere sano, in una recente intervista alla domanda “chi è stato il tuo più grande maestro?”, ha risposto:

“Mia nonna. Ho sempre avuto con lei un bellissimo rapporto e anche oggi, che non c’è più, la sento presente nella mia vita. Lei era un’ottima cuoca e un importante punto di riferimento, non solo in cucina ma anche dal punto di vista spirituale”.

Io i nonni non li ho più, ma insieme ad Antonella Serrenti mi sono eletta nipote delle tante anziane signore che abbiamo intervistato e perchè no, del pastore che ci ha lasciati poco prima che il nostro saggio sul pane carasau venisse pubblicato!

Ed è a tutti i nonni, che mi sento di dedicare questo libro, insieme a tutti quegli anziani che nonni non lo sono stati mai ma che possono diventarlo anche del vicino di casa, se sarà così gentile da aprirgli la porta e il cuore.

Ogni generazione si rivolta contro i suoi padri e fa amicizia con i suoi nonni. (Lewis Mumford)

No Comments »

Un mondo migliore

Non mi piace questo mondo.

Non mi piace un mondo in cui professionisti che hanno scelto la via della tutela dei minori diventando operatori del settore, assistenti sociali, psicologi, poi si riducono a vendere bambini simulando disagi familiari, dopo averli strappati ai genitori.

Non mi piace un mondo in cui una ragazza che agisce a modo suo portando in porto la sua nave, piuttosto che essere contestata per l’azione illegale viene insultata e minacciata di stupro con ricchezza di dettagli racapriccianti.

Non mi piace un mondo in cui vengono abbandonati centinaia di animali perchè è arrivata l’estate e sono uno scomodo impegno. Un mondo in cui altri vengono uccisi e torturati per semplice “piacere” personale.

E non mi piace un mondo in cui i soprusi servono a ottenere più like, i selfie più atroci a vincere la gara a chi è più figo.

Non mi piace un mondo in cui la politica è arma contro i più deboli, il suicidio una soluzione per chi non ha più i soldi per l’affitto.

Ma è questo, anche questo, il mondo in cui vivo. In cui a volte verso lacrime di delusione, di amrezza. Di impotenza.

Però… è anche un mondo in cui sotto la superficie ho conosciuto persone meravigliose, che infondono fiducia quando la fiducia non è di casa. Che progettano abbandonando rimorsi o rimpianti. Che coltivano rapporti e passioni, che arricchiscono chi le incontra, che perseguono la via del rispetto. Per il prossimo, per la vita, per ogni essere vivente. Che conoscono radici, non solo apparenza.

Radici.

E allora, questo mondo mi piace un po’ di più, e mi aiuta a capire che ha ragione James Joyce:

“La vita è come un eco: se non ti piace quello che ti rimanda, devi cambiare il messaggio che invii”.

No Comments »

La chimica tra due persone

Estate, tempo di innamoramenti, complice la leggerezza di un clima vacanziero, la predisposizione a staccare la spina, la voglia di scosse. Lo raccontano le storie degli amici, i sondaggi, le riviste, i film, la letteratura…

Ecco, la letteratura.

Fin troppo spesso, lo abbiamo visto, per dar via alla chimica tra due persone pare necessaria la presenza della bellezza, della perfezione. Fisico statuario, visi armoniosi nei loro singoli elementi; il personaggio, colui o colei che rivoluzioneranno la vita dell’altro, devono essere rigorosamente bellissimi.

Banale, non trovate? E fin troppo facile.

Ma davvero, il fascino è prerogativa dei belli?

Avete presente l’aspetto ripugnante del protagonista di The Elephant Man di David Lynch?

Eppure, tra quest’uomo deforme e una famosa attrice che va a trovarlo perchè ha sentito parlare di lui, vi è uno scambio di battute che insinua nell’aria una forte tensione, un’attrazione, una vibrazione che prescinde dall’aspetto. Tanto che l’attrice non si sottrae: è lei la più colpita.

Ad un certo punto dell’incontro, la donna gli fa omaggio di un libro che narra la storia di Romeo e Giulietta. Leggete questi passaggi:

Lei: “…Ah, dimenticavo! Le ho portato una cosa!” e gli porge il dono.

Lui: “Ohhh! Grazie…”

“Lo conosce?”

“No… Ma lo leggerò volentieri! Oh, Romeo e Giulietta, sì, ne ho sentito parlare. – Lo apre e comincia a leggere un passaggio – …”Che la mia mano profanasse la santità della vostra, in sé un dolce peccato, le mie labbra, come due pellegrini rossi di vergogna, sarebbero qui pronti ad attenuare con un bacio la ruvidezza di questo contatto”

Lei: “Buon pellegrino, per dimostrare la tua devozione fai troppo torto alla tua cortese mano. Le mani dei pellegrini possono toccare le mani delle sante. Palmo contro il palmo, il bacio del fedele.

Lui, a questo punto il tono si fa suadente: …”Ma allora cara santa, lascia che anche le labbra facciano quello che fanno le mani, affinché la mia fine non si muti in disperazione”.

Lei, quasi promettente: “Le sante non si muovono, anche se esaudiscono quelli che le pregano.

E lui, Iohn Merrick, proseguendo la lettura: “Allora non ti muovere… Allora non ti muovere mentre mi esaudisci. Dalle tue stesse labbra io sono assolto dal peccato delle mie… Poi… Miss Kendal, poi qui c’è scritto che si baciano…”

Lei: “Resterà sulle mie labbra il peccato di cui sei assolto”.

John: “Oh, com’è dolce… Imparare a ciò… Rendimi il mio peccato”.

A questo punto l’attrice lo bacia morbidamente sulla guancia e poi dice con tono galante: “Oh, signor Merrick! Lei non è affatto un Uomo Elefante!”

“…No?”

“No. Lei è Romeo”.

E Merrick, emozionato, versa una lacrima.

Sentite che dialogo?

Inoltre, avendo provato empatia con l’uomo perché coinvolti dal suo disagio e dalle sue vicissitudini, noi da quel dialogo ci facciamo trasportare accrescendo ancor di più la sensazione forte, l’attrazione nell’aria. E ci emozioniamo con lui e con lei. Non ci importa più dell’aspetto, della deformità, siamo avvinti: ci sono due persone, la malia.

Le atmosfere, gli sguardi, i toni, l’uso che facciamo di tutto ciò e delle parole pronunciate, di quelle non dette: questo è fascino.

In letteratura e… nella vita!

No Comments »