Susanna Trossero

scrittrice

Il senso del viaggio

on 2 Settembre 2012

Il senso del viaggioTra numerosi nuraghi e ai piedi di un complesso vulcanico oramai spento da duemila anni, ho calpestato il suolo antichissimo di Cuglieri, in provincia di Oristano, un piccolo centro di duemila anime o poco più che cela al suo interno un fermento artistico inaspettato. Nel territorio in cui il condottiero sardo nemico dei romani Ampsicora, grande eroe del popolo isolano, si mosse per la libertà di queste genti, in pochi giorni ho conosciuto musicisti, pittori, scrittori e ho partecipato all’inaugurazione di una mostra fotografica degna di nota, quella del geologo Enrico Angotzi. Un’esposizione varia, non a tema ma suddivisa in settori che mostravano la versatilità dell’autore degli scatti, e che a dire il vero ho apprezzato molto. Paesaggi aspri, più morbide colline baciate dalla primavera, scogliere a picco sul mare, e poi volti di bambini, scorci di vita paesana, sagre e momenti di vita campestre… Salvatore ha elargito a piene mani per un intero mese la sua personale visione di una parte dell’isola che non conoscevo a fondo e che sapientemente ha immortalato, e la mostra ha avuto molti visitatori anche stranieri, in particolar modo francesi, i quali stanno facendo di Cuglieri una meta frequentatissima.

Ammirando un incredibile tramonto che accarezzava i vecchi tetti delle case, ho riflettuto sul vero senso del viaggio; non importa dove vai, potresti stare anche ad un tiro di schioppo da casa: è importante ciò che ti lascia dentro, quel senso di nuovo e di scoperta, di conoscenza che arricchisce lo spirito, che abbevera la mente…

Buon rientro a tutti voi, nella speranza che dentro le vostre valige siano rimaste tutte queste cose, perché il vostro viaggio possa proseguire anche tra le mura di casa.

Susanna

Il senso del viaggio


One Response to “Il senso del viaggio”

  1. Susanna Trossero ha detto:

    Chiedo perdono agli amici lettori per una mia svista, forse sono ancora con la mente in vacanza! In realtà il complesso vulcanico che abbraccia Cuglieri è spento da ben due milioni di anni, non duemila così come ho scritto senza neppure accorgermene. Siate clementi, le parole mi piacciono tanto ma davanti ai numeri sono capace di qualunque distrazione! Un abbraccio a tutti voi,
    Susanna

Rispondi a Susanna Trossero Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.