Susanna Trossero

scrittrice

A chi mancherà il 2013?

A chi mancherà il 2013?

L’Epifania ogni festa si porta via… e c’è chi ha detto “era ora” o chi invece già rimpiange l’aver avuto l’occasione per riunirsi con amici e parenti. Ora c’è la dieta, il ritorno alla “normalità”, o il lasciarsi il vecchio anno alle spalle nella speranza di averne ricevuto in dono uno migliore. Mancherà a qualcuno, il 2013?

Io, del vecchio anno, voglio ricordare gli affetti più grandi che proseguono il loro cammino con me facendomi sentire al caldo, ma anche la nascita del mio romanzo Adele, nel gennaio scorso. Ho appena saputo che è stato menzionato in un testo scientifico di prossima pubblicazione, un regalo del nuovo anno e una soddisfazione non da poco! Tra i bei momenti del 2013 c’è anche la recensione più che positiva dell’Almanacco della Scienza del Centro Nazionale di Ricerca, ma degne di un ricordo incancellabile sono anche tutte quelle associazioni culturali che hanno accolto questo mio sesto libro e mi hanno ospitata per parlarne. Voglio ricordare anche la mia partecipazione al laboratorio di scrittura creativa della Rai, un corso durato ben quattro mesi durante il quale ho conosciuto persone deliziose che spero di non perdere per strada. E voglio ricordare il mio incantevole viaggio in Argentina, di cui ho scritto su GraphoMania, viaggio che mi ha anche fatto incontrare persone adorabili. Oppure l’invito di tv2000, che mi ha ospitata più volte per parlare di scrittura e della bellezza delle lettere, o quello di Rete Oro, e il seminario di scrittura che ho tenuto gratuitamente a Roma, che mi ha fatto conoscere allieve di grande talento. Voglio inoltre ricordare il piacere provato quando la rivista internazionale Writers Magazine ha pubblicato alcuni miei articoli.

E restano con me i volti, i sorrisi, gli abbracci, i libri letti, regalati o ricevuti…

Non so se dimentico qualcosa di questo vecchio anno appena volato via, ma so che mi porto tutto dentro e che quel tutto può far sì che il brutto o lo sgradevole in cui posso essermi imbattuta – come tutti – venga accantonato. Auguro lo stesso a voi, perché l’arte di vedere il bicchiere sempre mezzo pieno vi accompagni nel quotidiano. Ricordate: il bello deve ancora venire!

No Comments »

E se soli fosse bello?

Adele, Susanna Trossero e Francesco Tassiello

La settimana è finita, ma è trascorsa così velocemente che non so bene se tutto il vissuto di questi pochi ultimi giorni è stato da me soltanto sognato! Forse no, esistono le prove concrete delle belle ore passate in buona compagnia: sono stata ancora una volta ospite di TV2000 a parlare di scrittura, di passioni artistiche, di lettere spedite o ricevute, di amici di penna e di incontri argentini (qui un piccolo estratto della trasmissione), ma sono stata invitata anche a Rete Oro News a parlare del romanzo Adele, in compagnia del coautore Francesco Tassiello e anche qui l’ospitalità è stata deliziosa! Se lo desiderate potete vedere la replica della trasmissione lunedì 22 aprile intorno alle 14 al canale 210 del digitale terrestre.

Si è parlato e sempre si parla – quando si tratta di Adele – di una eventuale ricetta per aiutare la coppia a resistere nel tempo ma anche il nostro amico picosessuologo dottor Tassiello tende a rispondere che la ricetta sta in noi, nella nostra volontà, nei nostri veri e più reconditi desideri, nella nostra capacità di trovare nell’altro qualcosa che ancora ci affascina o ci sorprende. Non è facile, è così? Forse non aiuta lo scavare ed elucubrare delle donne, l’indolenza degli uomini in materia di introspezione, il desiderio di entrambi i sessi di riscoprire le magie dell’innamoramento e di sentirsi vivi… Inoltre, vero è che un faticoso quotidiano non aiuta a rinnovare il piacere delle piccole cose, con le grandi che incombono su tutto e senza elargire piacere alcuno!

Io sto provando ad affrontare necessità del tutto femminili, in un nuovo romanzo che ho intitolato “Soltanto una donna” e che è ancora in fase di revisione (chiamarla operazione di stravolgimento è più appropriato); non so quale sarà la sua sorte ma so che scriverlo – come sempre – è stato per me puro piacere, con la penna che scorre sul foglio e le parole trasferite poi al computer. Sì, la penna mi è necessaria quando un’idea in me si fa strada e il desiderio di svilupparla si trasforma in necessità impellente…

“Pensieri che non sai dove e quando hanno cominciato a formularsi dentro di te, ma che come l’edera hanno preso a insinuarsi ovunque fino a fare di te il loro muro. E dai loro voce quando oramai è tardi, perché sei già tutt’uno con il rampicante devastatore. L’edera è forse un esempio poco calzante, con il suo minuto fogliame, il suo scopo decorativo… No, è un’erbaccia quella che si insinua tra le crepe, una pianta infestante che deposita il seme del dubbio nelle zone più ombrose della mia anima, facendo percepire come sporco il luogo in cui cresce. Una malerba che mi sussurra sadica “Rimarrai sola.” e gode di un’umidità costante: le mie lacrime.

Perché sola? E se sola fosse bello?”

Se lo domanda la protagonista del mio nuovo romanzo, se lo domanda Adele. C’è stato un tempo in cui anche io me lo sono domandata, ma era un tempo meno fortunato di questo mio ricco presente nel quale la solitudine è bandita. E voi, ve lo domandate voi?

 

 

1 Comment »

Buon Natale anche a chi ha perduto il sorriso

Buon Natale 2012Ci siamo quasi… tra poco sarà Natale, una buona occasione per stare in famiglia, abbandonare le diete, abbracciare figli e nipoti, sentirsi di nuovo un po’ bambini guardando le luminarie con il naso all’insù, e magari per scartare qualche pacchetto ben infiocchettato!

In questi giorni ho ricevuto delle deliziose cartoline natalizie, e altrettante ne ho spedite, perché trovo che ci siano cose che non mutano d’aspetto e intensità, nonostante il progresso. Ed è di questo che si è parlato nella trasmissione televisiva di TV2000 che mi ha ospitata mercoledì 19 scorso, titolata C’è posta per me. Qui per vederne un piccolo pezzo.

Oggi dunque vi auguro un sereno Natale, fatto di gioia e famiglia, di buone parole e di caldi sguardi, e lo auguro ai miei cari, agli amici e alla Graphe.it, la “mia” fantastica casa editrice che da anni mi accompagna e realizza i miei sogni letterari!

Per molti altri purtroppo saranno giornate impregnate di solitudine o malinconia, accade ogni anno che per taluni (e non sono pochi) l’albero sia spoglio così come il cuore si sente, e il mio pensiero va proprio a te lettore che stai provando tutto questo: ti auguro di trovare, nel tuo quotidiano senza luci, una piccola cosa improvvisa per cui valga la pena di sorridere. A volte basta davvero poco, e sebbene non sia una soluzione è almeno una tregua al pensiero negativo. Apriti all’odore della pioggia o al cielo terso, alla brina sull’erba del giardino, dove un solitario rospo vaga da tempo, all’odore di camino che spesso impregna le vie, o alla rilettura di vecchie lettere che ti hanno scaldato il cuore. Di certo ne riceverai delle altre, e altri sorrisi si affacceranno alla tua porta. Non è una falsa promessa ma una verità: non è mai sempre e solo buio se abbiamo mantenuto occhi per guardare.

Buon Natale

Vostra Susanna

No Comments »

Caro amico ti scrivo…

caro amico ti scrivoVi piacciono le lettere? Quelle “vere”, con tanto di busta e francobollo, con la carta su cui scrivere scelta con cura… Ne ho già parlato più volte in queste pagine, ma oggi lo faccio per darvi un appuntamento, poichè sono stata invitata a partecipare ad un programma televisivo molto interessante:

la mattina di mercoledì 19 dicembre, dalle ore 09,00 alle 10,45, TV2000 (canale 28) mi ospiterà nel programma in diretta “Nel cuore dei giorni”, in una puntata particolare dal titolo  “Caro amico ti scrivo”; l’argomento sarà dunque proprio lo scambio epistolare, e si condivideranno con i telespettatori esperienze, aneddoti, curiosità e piccoli segreti.

Il dolce piacere di ricevere posta attesa o desiderata o di inviarne a coloro che ci stanno a cuore, è un argomento caro a chi come me mai ha smesso di scrivere o ricevere lettere: un tema che vi terrà compagnia se sarete a casa e che spero vi sarà gradito.

Vi aspetto

Vostra Susanna

1 Comment »