Susanna Trossero

scrittrice

Ti lavi troppo? Sei amorale!

on 24 Settembre 2013

Ti lavi troppo? Sei amorale!

Morale, amorale, giusto, sbagliato, corretto, scorretto… dov’è il confine, chi detta le regole? L’educazione? Fattori culturali, sociali, radici, un concetto arcaico di onore, sentimenti come il pudore o la vergogna? Sta nell’idea che ognuno di noi ha di sé, nel bisogno di mantenere una “reputazione” o nel rispetto per le regole di una società?

O forse è nella coscienza, il confine: quella scomoda appendice di noi tutti che rimorde proprio quando pareva che ogni cosa andasse a gonfie vele…

Mi piace pensare, invece,  che la regola sia nel profondo di ogni essere umano, non solo collegabile al timore di conseguenze dovute ad azioni scorrette, ma appartenente a codici di comportamento che prevedono il rispetto per gli altri. Amorale, per intenderci, è per me chi non mantiene la parola data o chi calpesta i diritti o la dignità altrui, per esempio. Ma come si identificano coloro che ci mentiranno o ci calpesteranno? Qualcuno ha provato a darci una dritta in tal senso attraverso un anomalo studio comportamentale: ebbene, forse non lo sapevate ma, a quanto pare, più siamo puliti più siamo immorali! Sembra che – per quanto riguarda l’igiene personale – più siamo distratti e svogliati di fronte all’acqua e il sapone, più siamo corretti con il prossimo, manteniamo la parola data, siamo inclini a lealtà, fedeltà e ideali. E, viceversa, più ci prendiamo cura della nostra igiene personale e meno giudichiamo scorretti i comportamenti amorali. Sarà anche il risultato di una ricerca scientifica con tanto di volontari da esaminare, ma a me pare un po’ bizzarra come considerazione, e a voi?

Per esempio, sembra che il popolo più attento alla pulizia e all’igiene personale sia quello giapponese. Secondo la suddetta ricerca scientifica meglio non averci a che fare; eppure la cultura di questo popolo prevede codici d’onore che arrivano da lontano, ovvero dai tempi dei Samurai, quando si contemplava il suicidio come morte dignitosa dopo un fallimento o un errore tale da far perdere la faccia. Ad oggi, per i giapponesi – che di certo non temono l’acqua –  l’onore e il rispetto sembrano essere pane quotidiano, tra un bagno rilassante e una doccia rigenerante, dunque miei cari ricercatori non ci siamo, raccontatecene un’altra!


3 Responses to “Ti lavi troppo? Sei amorale!”

  1. susanna ha detto:

    e come se non bastasse, ecco un’altra notizia ancora più fresca: l’Italia sarà multata perché non si adegua con il resto dell’Europa eliminando il bidet, qui la notizia per esteso
    http://www.iovivoaroma.it/notizie-de-attualita/l-unione-europea-multa-l-italia-per-l-uso-del-bidet.htm

  2. la tua amica del corazon ha detto:

    Conosco almeno un caso (umano) che sovvertirebbe radicalmente il fondamento scientifico sul quale si basa questa bizzarra ipotesi. E anche tu.

Rispondi a la tua amica del corazon Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.